PENSIERI

Le bambine che eravamo

scritto da A N G EL A  ed  E L E O N O R A

primavera 2020

Campi,vigne, una bicicletta e pomeriggi da riempire. Queste eravamo noi. La campagna era il nostro mondo, l’erba alta i nostri nascondigli, il cortile i nostri campi da pallavolo improvvisati per trascorrere i dopo compiti. Le giornate estive a casa da scuola,iniziavano al mattino presto,quando mamma e papà erano già al lavoro.    Svegliati dalla nonna,andavamo insieme a lei a mungere le mucche della nostra piccola stalla. Quanti vitellini che ho visto nascere e quante balle di fieno mi sono passate davanti mentre, una alla volta, venivano portate nel fienile. Le giornate trascorrevano così, si stava fuori fino al tramonto e si arrivava in casa sporchi d’erba, terra e a volte bagnate dall’acqua dei fossi.

WhatsApp Image 2020-04-15 at 09.39.59
ANGELA MENTRE GIOCA IN CAMPAGNA
WhatsApp Image 2020-04-15 at 09.36.56
ELEONORA NEL CORTILE DI CASA

Queste le bambine che eravamo, questa la nostra infanzia, per nulla noiosa e piena di libertà. La raccolta dei fiori di campo, cacciare le farfalle, inseguire le rane nei fossati e le corse in bicicletta con annesse molteplici cadute, erano le nostre routines. Il nostro semplice divertimento, privo di ore davanti alla tv a guardare inebetite i cartoni animati. Un mondo che profumava di libertà, di violette ma anche di giochi a volte pericolosi come arrampicarsi sugli alberi e lanciarsi nel vuoto, cercare nascondigli in vecchie case disabitate ma anche di giochi di gruppo come partite di pallavolo in ogni angolo che permettesse di agganciare una pseudo rete, di pic nic con merende raccimolate dalle dispense in fretta e furia e mangiate su una vecchia tovaglia della nonna in mezzo alle vigne, circondate da mosche e insetti fastidiosi.

WhatsApp Image 2020-04-15 at 09.41.00
BICICLETTA CHE PASSIONE

La nostra infanzia è stata questa,probabilmente questo background ci ha lasciato quel poco di selvaggio che ci caratterizza, del nostro adattarci a situazioni e nuove opportunità, con grande immediatezza e facilità. Ricordiamo ancora i pomeriggi infiniti a cercare di organizzarci con gli amici in giro per la campagna: “ Dai vieni, chiedi alla tua mamma se puoi venire a giocare con noi?”. Questa frase era il nostro slogan e tutti i pomeriggi, puntuali suonavamo alle loro porte, con la mamma che si affacciava, sorrideva e concedeva il permesso.

WhatsApp Image 2020-04-15 at 09.37.31
ELEONORA E LE CAPRETTE

Che infanzia matta ma piena di gioia, ricca di attività a volte anche inutili, ma che ci hanno regalato la capacità di inventarci sempre qualcosa di nuovo, di non rimanere mai con le mani in mano, di non aver mai pronunciato la frase “MI ANNOIO”.

Questo noi ci auguriamo per i nostri figli che nella vita crescano liberi, curiosi e desiderosi di provare; che ogni loro sbaglio si trasformi in opportunità di crescita, accompagnandoli a vivere consapevoli del mondo che li aspetta.

Un abbraccio, Angela ed Eleonora

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...