MOSTRA DI SALGADO ALLO SPAZIO GERRA

“AFRICA” una mostra che arriva dritta al cuore

marzo 2019

WhatsApp Image 2019-03-10 at 17.52.38.jpeg

WhatsApp Image 2019-03-10 at 18.32.28 (1).jpeg

Africa,una mostra che si apre nella sede di binario49 e si conclude allo Spazio Gerra per ripercorrere l’esperienza di Salgado nel continente africano,dalle guerre di indipendenza alle catastrofi naturali,da una natura incontaminata all’incontro con persone sorprendenti. Fotoreporter umanista, è considerato uno tra i più grandi fotografi dei nostri tempi e per il WORLD PRESS PHOTO è stato «più volte candidato al premio di fotografo dell’anno»

WhatsApp Image 2019-03-10 at 18.32.29

Dal 9 febbraio al 24 marzo questa mostra è stata regalata alla città di Reggio Emilia gratuitamente.Tante immagini, tutte realizzate nei viaggi e nelle esplorazioni tra il 1974 e il 2005 nel sud del continente tra Mozambico, Malawi, Angola, Zimbabwe, Sud Africa, Ruanda, Uganda, Congo, Zaire e Namibia.

WhatsApp Image 2019-03-10 at 17.52.36.jpeg

Attraverso queste immagini in bianco e nero, di persone, situazioni,paesaggi, animali e  luoghi si legge la sofferenza, il sacrificio, la paura delle persone che hanno dovuto affrontare carestie, esodi e guerre, in un posto tanto lontano da noi ma anche tanto vicino a noi, al nostro cuore. Perchè sfidiamo chiunque a non provare un pugno al petto visitando la mostra. Sui tre piani dello spazio Gerra sono allestite 50 foto mentre al Binario49, sita in via Turri, sono allestite altre 50 immagini. L’operato di Salgado è una chiara volontà di comunicare al mondo i devastanti effetti delle deforestazioni, conseguenze mortali delle guerre e delle condizioni climatiche avverse a queste popolazioni.

Una sensazione che abbiamo provato entrambe uscendo dalla mostra è stato quello di un mancato respiro, come se qualcosa ci avesse colpito forte al petto. Le immagini ci hanno fatto riflettere tanto  e il nostro primo commento è stato all’unisono ” CHE COLPO AL CUORE!”. La fotografia ha un potere immenso, in uno scatto può comunicare tutto e niente e Salgado ha lasciato che fossero le sue foto a parlare.Quanta potenza in uno strumento così semplice e la scelta del bianco e nero che caratterizza tutti i suoi lavori ,sono dettati da una scelta volontaria.

“Per me il bianco e nero è un’astrazione, è un modo di concentrarmi, di non distogliere la mia attenzione da quello che è il vero oggetto del mio interesse. Se io fotografassi a colori, magari una volta vista la foto stampata mi accorgerei che i verdi hanno il sopravvento sugli altri colori. Invece mentre faccio la stessa foto in bianco e nero, il verde, così come il giallo, il rosso o il marrone, diventa grigio. C’è tutta una serie, una sfumatura di grigi diversi che mi consentono di trasferire quello che mi interessa. E sono assolutamente certo che nel momento in cui tu guardi quella foto, in un certo senso tu vedrai dei colori, glieli attribuirai tu. Questo mi fa sentire a mio agio, mi fa sentire bene il non dovermi preoccupare del colore. Sia chiaro, la mia non è una critica alla foto a colori, ci sono molti bravissimi fotografi che usano il colore”.

  Sebastiào Salgado

WhatsApp Image 2019-03-10 at 18.32.28 (2).jpeg

WhatsApp Image 2019-03-10 at 18.32.28.jpeg

WhatsApp Image 2019-03-10 at 18.32.27.jpeg

Questa mostra è stata fortemente voluta da due volontari dell’associazione “Casa d’altri” Khadija Lamami e Claudio Melioli che hanno voluto portare a Reggio Emilia un progetto così forte, potente , quasi una sfida, in una zona della città un tempo considerata zona di confine, essendo adiacente alla stazione dei treni. La cultura e l’arte a volte hanno un potenziale nascosto, diventano strumenti importanti per una riqualificazione sociale e urbana di zone che negli anni vengono dimenticati perchè considerati ” pericolosi” per i cittadini, soprattutto in alcune ore della giornata.

Il loro sogno, perchè è così che si chiama un desiderio chesi vuole realizzare convergendovi tutte le loro energie, si è realizzato, questo a conferma che VOLERE E’ POTERE, e grazie a loro, lo sguardo profondo di Salgado sull’Africa, sull’umanità e la dignintà del genero umano, è giunto anche a noi.

WhatsApp Image 2019-03-10 at 18.32.27 (1).jpeg

NOTE INFORMATIVE:

SEBASTIÃO SALGADO – AFRICA
A cura di Lélia Wanick Salgado

Reggio Emilia, 10 febbraio – 24 marzo 2019

Sedi espositive:
Binario49 – via Turri 49, Reggio Emilia http://www.b49.it | info@b49.it | 347.5889449
Spazio Gerra – piazza 25 Aprile, Reggio Emilia http://www.spaziogerra.it | 0522.585654

Giorni e orari di apertura: venerdì, sabato, domenica: 10-13 / 15-20
Nelle altre giornate, apertura su prenotazione. Ingresso libero

Qui il link alla mostra:

https://eventi.comune.re.it/eventi/evento/africa/#variazione